De Bertoldi (FdI): “Distanziometro e riduzione punti di gioco due assurdità che favoriscono la ludopatia”. Il video

“C’è ancora un forte pregiudizio sul gioco legale. Sul settore dovrebbe prevalere il fattore dell’intrattenimento, del piacere e non essere visto come un veicolo di degenerazione. Come succede per il vino. Bere con moderazione è un piacere, un momento anche di convivialità. Il problema è chi esagera. La stessa cosa per il gioco”. E’ quanto ha dichiarato Andrea de Bertoldi (FdI) durante l’incontro “Dalla Commissione di inchiesta sul gioco ai provvedimenti locali: quali prospettive per il settore del gioco pubblico nella XIX legislatura”, promosso da IGT in collaborazione con Reti.

“Bisogna vincere il pregiudizio, anche politico ed inserire il gioco pubblico nell’alveo dell’intrattenimento al quale appartiene. Per me è importante coinvolgere gli operatori del gioco nella lotta alle ludopatia. Sarebbe un modo importante per intervenire proprio sul pregiudizio.

Bisogna anche capire quale strada percorrere sulla diffusione del gioco. Ridurre i punti di gioco sarebbe sbagliato, anzi favorirebbe il giocatore ludopatico. Il distanziometro è una assurdità che anche in questo caso favorisce l’aspetto ludopatico. Ed infine è importante la difesa delle imprese che si occupano di gioco, soprattutto quelle nazionali e che già operano nel nostro paese”.

ac/AGIMEG