Emilia-Romagna, Lega: “Azzerare l’Irap e concedere il credito d’imposta alle imprese maggiormente colpite dal coronavirus”

Credito d’imposta per l’abbattimento dei costi fissi a carico degli esercenti e azzeramento dell’Irap in capo ad imprese del commercio, turismo e ristorazione. Sono le richieste una risoluzione della Lega, a prima firma Stefano Bargi, che invita la Regione Emilia-Romagna ad attivarsi autonomamente per attuare queste misure a favore delle attività economiche più colpite dall’emergenza e a sollecitare il governo nazionale in questa direzione. “A causa del Covid-19, molte micro, piccole e medie imprese dell’Emilia-Romagna hanno dovuto sospendere completamente o ridurre drasticamente la propria attività. I dati delle associazioni di rappresentanza sono allarmanti: manifestano una situazione di grave difficoltà soprattutto in termini di liquidità ed è unanime la richiesta di intervenire in maniera più concreta, superando il mero ricorso all’indebitamento e lo slittamento della fiscalità”. Secondo il gruppo Lega, infatti, i provvedimenti emanati dal governo non sarebbero sufficienti a ovviare alle pesanti perdite economiche subite da diversi settori della regione, fra i quali commercio, turismo e ristorazione: “Le uniche misure adottate ad oggi prevedono la sospensione, e non l’azzeramento, dei tributi e il ricorso al debito. Due strumenti insoddisfacenti per risolvere la crisi di liquidità delle imprese e che, al contrario, ingesseranno gli investimenti nel prossimo futuro.” ac/AGIMEG