Ricerca Doxa, Monti (Luiss): “Il gioco patologico non si combatte relegando il fenomeno nelle periferie, ma potenziando gli investimenti nell’educazione”

dal nostro inviato – Marginalità sociale e ghettizzazione sono le keyword del Professor Luciano Monti, Direttore scientifico Fondazione Bruno Visentini e Professore della LUISS, che nel suo intervento sottolinea che “mettere al bando il gioco legale con una misura protezionista tale da stringere e costringere i giocatori problematici e patologici ai confini delle città, non suona come una politica sociale. La più concreta arma contro il gioco patologico non consiste nel nascondere il fenomeno nelle periferie ma, innanzitutto, potenziare gli investimenti nell’educazione e cultura nelle scuole e nella prevenzione e assistenza da parte dei SerD. Con ciò si intende anche avere uno sguardo lungimirante al futuro, in cui sarà sempre più ampio il mercato del gioco online, che, per ovvia natura, sfugge a provvedimenti di carattere fisico”. cr/AGIMEG

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here