As.Tro, Riforma apparecchi senza vincita in denaro: dal 1° marzo irregolari se sprovvisti di nulla osta ADM

“Con le Determinazioni Direttoriali dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli n. 151294/RU del 18 maggio 2021, n. 172999/RU del 01 giugno 2021 e n. 480037/RU del 16 dicembre 2021 è stata data attuazione alla riforma del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza (T.U.L.P.S.) che risaliva all’ormai lontano 2012″.

“Per effetto dei suddetti interventi, dal prossimo 1° marzo 2022 tutti gli apparecchi da gioco (compresi i calcio balilla, le carambole, i biliardi, i dondolanti per bambini, i tavoli da ping pong etc.) dovranno essere muniti di nulla osta rilasciato dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli (ADM)”. E’ quanto afferma l’Avvocato Isabella Rusciano, del Centro Studi di As.Tro.

“Per ottenere il rilascio dei nulla osta il proprietario/possessore degli apparecchi dovrà procedere ad autocertificare la conformità degli stessi alle regole tecniche previste nella Determinazione Direttoriale del 18 maggio 2021 e poi avrà un anno o due anni di tempo (secondo la tipologia degli apparecchi) per procedere all’omologazione da parte degli organismi di verificazione”.

“Non intendiamo entrare nel merito della riforma, né, tantomeno, soffermarci sulle evidenti difficoltà amministrative e procedurali che le aziende coinvolte stanno incontrando nell’assolvere gli obblighi previsti entro il prossimo 28 febbraio”.

“Lo scopo è semplicemente quello di far conoscere, soprattutto alle aziende che non svolgono l’offerta di gioco come attività prevalente, che dal prossimo 1° marzo questi apparecchi saranno considerati irregolari se sprovvisti di nulla osta di ADM e che le sanzioni previste sono molto rilevanti“.

“Soprattutto in questi ultimi giorni ci siamo infatti resi conto che molti operatori che svolgono attività prevalenti diverse dall’offerta di gioco (si pensi solo, a titolo di esempio, agli stabilimenti balneari) i quali risultano proprietari di queste tipologie di apparecchi, non sono stati informati degli adempimenti imposti dalla riforma”.

“Intendiamo quindi renderli edotti di queste novità ed invitarli a mettersi in regola nei termini previsti dalla normativa. Nel caso non siano in grado o non ritengano di farlo, la raccomandazione è quella di non installare, dopo il 1° marzo 2022, apparecchi sprovvisti di regolare nulla osta rilasciato da ADM, per evitare di incorrere nelle pesanti sanzioni previste dalle nuove norme”. cr/AGIMEG