Maxi-rapina a un gestore di San Cesareo, Cassazione condanna due esponenti del commando

Nel gennaio 2017 avevano tentato di rapinare un gestore di San Cesareo, in provincia di Roma, adesso la Cassazione conferma le condanne disposte dalla Corte d’Appello di Roma nei confronti di due esponenti del commando. Il colpo era stato pianificato nei minimi dettagli, cinque rapinatori hanno fatto irruzione nella società alle 7 di sera, e sono riusciti a mettere le mani su un bottino di oltre 300mila euro. Due dipendenti, tuttavia, si sono nascosti in un ufficio e hanno allertato i carabinieri. Gli agenti a quel punto sono intervenuti immediatamente e – dopo una sparatoria e un tentativo di fuga – hanno arrestato tre rapinatori, gli altri due invece sono riusciti a far perdere le proprie tracce. Due rapinatori e un agente sono rimasti feriti, di qui anche l’accusa di tentato omicidio. I due malviventi sono stati condannati a 14 anni e 8 mesi, e a 12 anni. lp/AGIMEG