Parma: da giugno trasloco degli apparecchi da gioco sul territorio, 250 le attività coinvolte

Stretta sul gioco a Parma. A partire da giugno, per poi terminare a fine anno, verrà modificata la locazione e la presenza degli apparecchi da gioco sul territorio, secondo quanto disposto dalla legge regionale di contrasto alle ludopatie che prevedere il distanziometro a 500 metri di distanza dai luoghi sensibili e dalla norma urbanistica del Comune di Parma. E’, infatti, già pronta la delibera comunale, che lunedì approderà in Consiglio per il voto. Saranno 250 le attività coinvolte dal trasloco degli apparecchi sui 269 totali, le 27 sale scommesse presenti a Parma dovranno invece scegliere se chiudere o spostarsi nelle zone segnalate e prestabilite. Alcune associazioni del commercio hanno già presentato ricorso al Consiglio di Stato. “La norma agisce in modo pesante sulle strutture già insediate. Da giugno dovrà essere preparata una lettera del settore Commercio diretta ai locali interessati dal provvedimento di trasloco. Ci sarà una larghissima porzione di territorio in cui non esisteranno strutture per il gioco d’azzardo”, ha detto l’assessore ai Lavori pubblici e urbanistica Michele Alinovi. cdn/AGIMEG