Manifestazione rosa, Campanella (promotrice): “Non siamo più invisibili, vogliamo far vedere alla politica i nostri colori che sono quelli della dignità e della voglia di lavorare”

“Il merito non è solo mio è supportato da grandissime donne. Oggi non siamo più così invisibili, quindi portiamo a terra il nostro gioco, quello terrestre. E’ rappresentato da questi mantelli, che sono un manifesto e rappresentano tutto ciò che noi svolgeremo nelle nostre attività. Non vogliamo più nasconderci, vogliamo e chiediamo pari dignità. Non dobbiamo vergognarci del nostro lavoro, dobbiamo essere fieri di quello che facciamo: tutti i giorni alziamo la nostra serranda. Vogliamo tornare a lavorare. Siamo qui per chiederlo ad alta voce”. Lo ha dichiarato ad Agimeg Antonia Campanella, promotrice della manifestazione ‘rosa’ in corso di svolgimento a Montecitorio, a Roma, per sensibilizzare la politica sulla situazione delle lavoratrici del comparto del gioco legale, ancora chiuso da fine ottobre dopo lo stop imposto durante il primo lockdown di primavera. Oggi tutte le lavoratrici sono vestite con parrucche tricolori e con un mantello su cui sono riportati i simboli del gioco. “Siamo vivi e non vogliamo morire. Reclamiamo la nostra vita, la rivogliamo indietro. Questa scenografia serve per attirare l’attenzione anche dei media”, ha concluso. cdn/AGIMEG