Tar Lazio accoglie istanza cautelare contro revoca concessione Lotto e fissa Camera di Consiglio al 22 gennaio

“Premesso che funzione del decreto cautelare non è quella di anticipare il giudizio, ma solo quella di prevenire pregiudizi irreversibili, tali che non possano essere evitati nemmeno dalla misura cautelare collegiale; dato atto che, a questi fini, la gravità del danno va valutata con una ragionevole comparazione degli effetti che il provvedimento cautelare produce sui contrapposti interessi delle parti”, il Tar Lazio (Sezione Seconda) ha accolto la domanda di misura cautelare contro la revoca della concessione di una ricevitoria del Lotto, in quanto “possono ritenere sussistenti i presupposti dell’estrema gravità ed urgenza richiesti dall’art. 56, primo comma, del c.p.a.; si può senz’altro porre rimedio ai rappresentati pregiudizi differendo l’esecuzione del predetto provvedimento impugnato, ai soli fini della conseguente interruzione della regolare gestione del gioco del lotto; tali circostanze in fatto inducono a concedere la misura cautelare richiesta con effetti sino e non oltre la data della camera di consiglio utile del 22 gennaio 2020, nel cui contesto potranno essere assunte le eventuali determinazioni collegiali idonee alla definizione del giudizio nello stato in cui versa”. lp/AGIMEG

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here