Processo “Scommessa”: maxi sequestro da 22 milioni di euro a gruppo criminale di Bari che aveva interessi anche in sale scommesse irregolari

Maxi sequestro milionario nei confronti di un gruppo criminale, con base a Bari ma con ramificazioni all’estero, che aveva interessi in partecipazioni societarie, disponibilità finanziarie, automezzi, imbarcazioni, accessori di lusso come auto, orologi, gioielli, immobili e sale scommesse in diversi paesi, tra cui Malta, Antille olandesi, Isole Vergini britanniche e Seychelles. Nella mattinata i finanzieri del Servizio Centrale Investigazione sulla Criminalità Organizzata (Scico) e del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Bari hanno dato esecuzione a un provvedimento di confisca definitiva – emesso dal Tribunale di Bari nell’ambito del processo la “Scommessa” – per beni dal valore complessivo di circa 22 milioni di euro, tra i quali partecipazioni societarie, disponibilità finanziarie, automezzi, imbarcazioni, accessori di lusso e immobili ubicati nelle province di Bari, Taranto, Foggia, Cagliari e Napoli.

L’inchiesta rivelò l’operatività di un sodalizio criminale transnazionale, con base operativa a Bari e ramificazioni a Malta, Antille olandesi, Isole Vergini britanniche e Seychelles, dedito principalmente – tra il 2012 e il 2016 – all’abusiva raccolta e gestione di scommesse sportive sul territorio nazionale ed estero, attraverso società straniere e utilizzando siti web irregolari, per un volume di affari illecito stimato in 650 milioni di euro. lp/AGIMEG

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here