Commissario Ue Giustizia: “In alcuni paesi europei, loot boxes sono attività di gioco d’azzardo e quindi vietate”

“La rete di cooperazione per la tutela dei consumatori (CPC ) ha analizzato i reclami delle autorità degli Stati membri in merito alle loot boxes. L’analisi ha mostrato che, nonostante un numero limitato di denunce, vi era una crescente preoccupazione in diversi Stati membri. In alcuni Paesi, le loot boxes, in cui gli oggetti di gioco acquisiti hanno valore monetario, sono state identificate come attività di gioco d’azzardo e vietate in linea con la legislazione nazionale sul gioco. Agli sviluppatori di giochi è stato anche chiesto di modificare le loot box per eliminare il vantaggio monetario”. Questa la risposta del Commissario europeo della giustizia, Mr Reynders, all’interrogazione dell’europarlamentare João Ferreira (GUE/NGL) sull’impatto su bambini e adulti vulnerabili di alcune funzioni di gioco nei videogiochi. “La Commissione desidera ricordare all’onorevole parlamentare che non esiste una legislazione dell’UE in materia di giochi d’azzardo specifica per il settore. Nei casi in cui la legislazione nazionale sul gioco d’azzardo non è applicabile alle loot boxes, si può applicare la legislazione UE sui consumatori. Le loot boxes sono acquistabili in-app e dovrebbero essere commercializzate con sufficiente trasparenza, come richiesto dalla posizione comune della rete CPC. La loro esistenza e il loro prezzo dovrebbero essere comunicati prima che il gioco venga scaricato e dovrebbero evitare l’esortazione diretta ai bambini. Le autorità di protezione dei consumatori dell’UE seguono da vicino gli sviluppi del mercato e i reclami dei consumatori e hanno la possibilità di avviare azioni di contrasto nei confronti degli operatori che non rispettano i requisiti di trasparenza”, ha detto. “Inoltre, nell’ambito della Strategia Europea per un Internet Migliore per i Bambini, la Commissione ha finanziato Centri Internet più sicuri che offrono corsi di formazione, assistenza gratuita e forniscono consigli su giochi responsabili”, ha concluso. cdn/AGIMEG

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here