Rapporto attività 2017-2018, Coppolani (pres. ARJEL): “Registrato nel 2017 significativo miglioramento delle cifre del mercato online autorizzato”

“Dopo anni difficili, l’anno 2017 è stato caratterizzato da un significativo miglioramento delle cifre del mercato autorizzato per i giochi online aperti alla concorrenza. Per la prima volta dal 2010, è stato registrato per le tre serie di segmenti – scommesse sportive, scommesse ippiche, poker – un aumento dell’attività e dei risultati positivi, l’entrate del gioco lordo e il numero di account di giocatori attivi. Questi risultati sono incoraggianti: attestano il dinamismo degli operatori approvati e riflettono l’azione determinata del regolatore. Spetta a quest’ultimo rendere questo mercato vivo perché è il più protettivo per il giocatore. Questi risultati mostrano anche che la regolamentazione, per quanto esigente, non è antitetica alla crescita e al turnover”. Sono queste le parole di Charles Coppolani, presidente dell’Arjel, a commento del rapporto sull’attività 2017-2018. “Questi stessi risultati provocano immediatamente un riflesso di vigilanza; bilanciare la salute del mercato con la salute del giocatore è un esercizio delicato. Per preservarlo, l’ARJEL segue molto attentamente l’evoluzione del dispendio medio dei giocatori: nel 2017 ha raggiunto 343 euro, cioè un aumento del 4,7%. Oggi, la crescita del mercato è sostanzialmente radicata nel reclutamento di nuovi giocatori. C’è davvero una crescente passione per il gioco. Spinto da innovazioni tecnologiche, il rinnovo dell’offerta di giochi tende ad attrarre una clientela più giovane, intrisa dei codici dei videogiochi”, ha aggiunto. “Questa convergenza – continua – e i conseguenti benefici economici costituiscono un patrimonio innegabile per questo settore di attività e in particolare per il mercato regolamentato. Ma il rischio di un’ondata concomitante di dipendenza è reale e deve essere contenuto. Tuttavia, la legge del 12 maggio 2010 non ha dato al regolatore, in particolare nel settore della prevenzione e protezione dei giocatori, le capacità d’azione fino alle sfide che ci attendono. Otto anni più tardi, è quindi necessaria una riforma: la scoperta è stata fatta e le aree di miglioramento sono sul tavolo con la pubblicazione nel dicembre 2017 del rapporto della commissione e il controllo delle politiche pubbliche sulla valutazione della regolamentazione del denaro e del caso in Francia di Olga Giverney e Régis Juanico. Dopo aver sottolineato le disfunzioni del nostro modello, gli autori raccomandano di istituire un’unica autorità normativa. Non solo sostengo pienamente queste raccomandazioni, ma richiamo l’attenzione sull’urgenza di implementarle. La mia esperienza mi porta ad andare un po’ oltre sul contenuto di questa riforma e in particolare nella prevenzione del gioco eccessivo e della protezione dei giocatori”, aggiunge. “Tre condizioni sono essenziali e mi sono impegnato a guidare una politica efficace in questo settore durante questi primi quattro anni del mio mandato: -Reattività: il tempo legislativo non è adatto a reagire in tempo reale in un settore in cui le modifiche sono molto veloci. Il regolatore deve disporre di un margine di manovra sufficiente, definito in un quadro ben definito. -Il controllo dell’offerta di gioco: è al centro di tutti i rischi legati al gioco e, in particolare, al gioco d’azzardo problematico. Su questo punto il regolatore deve avere, all’interno del quadro definito dal legislatore, la capacità di vietare o organizzare offerte troppo pericolose. -Infine, l’empowerment degli operatori che sono in prima linea per identificare gli eccessi e intervenire a monte. Sono fiducioso per il futuro. I recenti dibattiti relativi alle notizie sono a questo riguardo molto positivi, anzi, emerge un consenso sia sull’osservazione sia sulla necessità di riformare in profondità il nostro modello”, conclude Coppolani. lp/AGIMEG

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here