GLMS: segnalate 157 partite sospette nel 2019, la maggior parte a FIFA e UEFA

“Durante il 2019, GLMS ha segnalato 157 partite sospette ai propri partner. La stragrande maggioranza delle segnalazioni è andata ai partner di calcio FIFA e UEFA (98 segnalazioni). Le altre segnalazioni sono state inviate al Comitato Olimpico Internazionale (CIO), all’Unità di Integrità del Tennis (TIU), alla Commissione per l’Integrità degli Sport (ESIC), alle autorità preposte all’applicazione della legge o alle autorità di regolamentazione locali. Un buon numero di rapporti di analisi dettagliati sono stati inoltre preparati su richiesta di membri o partner”. E’ quanto si legge nel report di monitoraggio per il 2019 di GLMS. “Direttamente o su richiesta di un partner o membro, il team operativo GLMS prepara un’analisi dettagliata di una determinata partita. I rapporti del team operativo GLMS ai partner e ai membri interessati possono includere le seguenti informazioni: irregolarità, comprese le scommesse sospette ricevute o modelli di trading anomali riscontrati dai membri GLMS senza violare la legge sulla privacy; analisi dei movimenti delle scommesse pre-partita e in-play dai mercati internazionali, compresi quelli asiatici; analisi di ogni altra possibile prova o evidenza per contrastare la preoccupazione della manipolazione. 112 è il numero totale delle partite analizzate, 69 il numero totale di rapporti di analisi realizzati”, aggiunge il report. 787, invece, gli avvisi inviati ai membri: 32 in Nord America (11 calcio, 4 Tennis, 1 E-Sports, 2 Basket, 8 Hockey sul ghiaccio, 6 American Football), 570 in Europa (Football 450, Basketball 62, Tennis 16, E-Sport 3, Handball 4, 7 Pallavolo, Ice hockey 22, Table Tennis 4, Badminton 2), 18 in Africa (Football 16, Tennis 2), 2 per il calcio in Oceania, 65 in Sud America (59 calcio, 5 Basket, 1 Tennis), 12 Internazionali (9 calcio, 2 Basket, 1 Tennis) e 88 in Asia (67 calcio, 16 Basket, 4 Tennis e 1 Badminton). 22 avvisi rossi sono stati condivisi pre-live/in-play. “Di questi 787 avvisi creati nel 2019, 583 sono stati creati prima dell’inizio della partita, mentre 18 avvisi si basavano su variazioni delle probabilità in-play. 186 avvisi sono stati attivati al termine delle partite. Di questi 787 avvisi – aggiunge il report -, 50 erano in codice rosso e 22 di essi sono stati generati in pre-partita o durante il live. Sono stati registrati 160 avvisi gialli e 420 avvisi verdi. Gli altri 157 avvisi sono stati il risultato di una richiesta o di informazioni fornite dai nostri membri o partner”. “La rete globale GLMS e le capacità locali sono state un fattore chiave nella qualità del lavoro di intelligence prodotto e questi risultati non sarebbero stati possibili senza l’input strategico e il feedback di tutti i nostri membri. Vorrei cogliere l’occasione per ringraziare sinceramente ciascuno dei nostri 33 membri per aver contribuito alla credibilità della nostra integrità e attività di monitoraggio”, ha spiegato il presidente Ludovico Calvi. “Guardando indietro al 2019, siamo orgogliosi di avere così tanti successi aggiunti al nostro track record. L’anno ha visto la crescita della base associativa GLMS, nuove partnership chiave, l’organizzazione di un importante evento educativo a Losanna, nonché un’assemblea generale durante la quale abbiamo avuto l’opportunità di aggiornare i nostri membri sullo stato di avanzamento del nostro lavoro. Abbiamo inoltre migliorato ulteriormente i nostri canali di comunicazione, in particolare attraverso la creazione di un nuovo sito Web – ha detto. Nel 2019, siamo stati anche entusiasti di vedere entrare in vigore la tanto attesa Convenzione del Consiglio d’Europa sulle manipolazioni delle competizioni sportive. In vista del 2020, continueremo a impegnarci per espandere la nostra base associativa globale. Stiamo inoltre pianificando di aprire un nuovo Integrity Hub in Canada, dopo Hong Kong, per consolidare ulteriormente il processo di globalizzazione di GLMS, destinato alle giurisdizioni nordamericane. Una conferenza sull’integrità dello sport è prevista per il 28-29 aprile a Losanna mentre stiamo lavorando con diverse parti interessate pubbliche su una serie di progetti di educazione e integrità. Non vediamo l’ora di sostenere ulteriormente il Consiglio d’Europa con la promozione e l’attuazione della Convenzione di Macolin, che è chiaramente lo strumento giuridico più completo e globale che agisce contro la manipolazione delle competizioni sportive in tutto il mondo”, ha concluso. cdn/AGIMEG

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here