AGIMEG

Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco
ANSA   REPUBBLICA       DIRE   tm   eu   lottomio
 
Focus

Scommesse, Commissione Tributaria del Lazio: “Centro Trasmissione Dati costituisce soggetto passivo d’Imposta Unica”

In: Primo Piano, Scommesse Sportive

9 febbraio 2016 - 17:02


Schermata 2016-02-09 alle 17.02.04

Il CTD, Centri Trasmissione Dati, che gestisce le scommesse ed invia i dati al bookmaker, costituisce soggetto passivo d’imposta ai sensi dell’art. 3 d. lgs.504/98 (“soggetti passivi sono coloro i quali gestiscono anche in concessione i concorsi pronostici e le scommesse”): se l’attività è esercitata per conto terzi, il soggetto per conto del quale l’attività è esercitata è obbligato solidalmente al pagamento dell’imposta e delle relative sanzioni.
E’ quanto stabilito dalla Commissione Tributaria del Lazio rigettando l’appello di una società contro un avviso di accertamento emesso, per l’anno 2007, in materia di Imposta Unica sui concorsi pronostici e sommesse, dall’Agenzia delle dogane e dei monopoli Ufficio monopoli per il Lazio nei confronti di un centro trasmissione dati con il quale veniva richiesto il versamento di euro 45.426,69, oltre interessi per euro 7.653,14.
“Il legislatore – si legge nelle motivazioni dei giudici – non ha limitato l’applicazione dell’imposta unica ai soli soggetti muniti di concessione e licenza di P.S., in quanto all’ art.3 del citato D. Lgs. 504/98 si afferma che i “soggetti passivi dell’imposta unica sono coloro che, anche in concessione, gestiscono concorsi pronostici e scommesse”. Appare chiaro ed innegabile il riferimento all’applicabilità dell’imposta a tutti coloro che, “anche in concessione”, quindi, anche senza concessione e, in definitiva, a qualsiasi titolo, esercitano tale attività.
Dunque, non importa a che titolo e con quale veste (di organizzatore, di tenitore del banco, di gestore, di ricevitore), non importa se in concessione o senza concessione, con licenza di P.S. o senza, ciò che conta è che chiunque effettua operazioni di raccolta di scommesse deve essere assoggettato alla normativa sull’imposta unica. In altre parole, sarebbe contro ogni logica che coloro che, provvisti di regolare concessione rilasciata dall’ Amministrazione, siano considerati soggetti passivi dell’ imposta, mentre coloro che esercitano la stessa attività di raccolta di scommesse, senza concessione o autorizzazione. lp/AGIMEG


Realizzazione sito