Scommesse: il Tribunale di Lucca dà ragione a Snaitech nella controversia contro le 20 agenzie che si erano “staccate”

Il Tribunale di Lucca dà ragione a Snaitech nella controversia contro le 20 agenzie di scommesse che avevano risolto il contratto con la compagnia di Porcari per allacciarsi al relativo concessionario concorrente. La vicenda era finita sia sotto i giudici civili (Tribunale di Lucca) chiamati a decidere sull’illegittimità del recesso esercitato dalle Sale, sia di fronte a quello amministrativo (TAR Lazio) a seguito della decadenza dei diritti e relativi titoli inerenti le Sale disposta da ADM per il mancato esercizio degli stessi “nonché l’assegnazione titoli per le medesime Sale al relativo concessionario concorrente pure condizionati all’esito del giudizio in oggetto, per le ragioni inerenti il più volte invocato giustificato motivo”. In data 25.05.2017 il Tribunale di Lucca, respingendo il reclamo di controparte, ha confermato l’ordinanza ripristinatoria del 31.01.2017 disponendo l’immediata apertura delle Sale con tutti i giochi a marchio SNAITECH. lp/AGIMEG