Giochi, ecco i dati ufficiali del 2013. Raccolta, spesa, Erario, numero di esercizi e sale

84,7 miliardi di euro, questa è la raccolta ufficiale del mercato dei giochi in Italia nel 2013. Si tratta di un calo del 4,3% rispetto agli oltre 88,5 miliardi del 2012. Stesso calo anche per le vincite, mentre la spesa effettiva (cioè la cifra giocata meno le vincite) degli italiani è calata del 6,6%, passando dai 18,3 miliardi del 2012 ai 17,1 miliardi dello scorso anno. Positiva l’opera dei Monopoli di Stato che ha permesso, nonostante il calo della spesa, di aumentare le entrate erariali derivanti dal gioco: dagli 8 miliardi del 2012 si è passati ai quasi 8,2 miliardi del 2013, per un aumento dell’1,8%. In calo tutti i concorsi, con la sola eccezione del Lotto capace di crescere lo scorso anno dell’1,8%.

RACCOLTA

Ecco la raccolta, in miliardi di euro, nel 2013 per i singoli concorsi, con tra parentesi le variazioni percentuali rispetto all’anno precedente:

Newslot  25,4 (-7,3%), Vlt 22,1 (-1,2%), Comma 7 0,3 (0%), Bingo 1,7 (-5,6%), giochi a base ippica 0,8 (-19,5%), scommesse sportive, Totocalcio ed altri concorsi sportivi 3,8 (-4,3%), Superenalotto, Winforlife ed altri giochi numerici 1,4 (-22,7%), Gratta e Vinci e Lotterie 9,6 (-1,6%), Lotto 6,3 (+1,8%), Poker a torneo e skill game 0,8 (-3,2%), Poker Cash e casinò online 12,4 (-2,3%), scommesse virtuali 0,02 (0%).

VINCITE

Sono le Vlt (Videolotterie) ad aver regalato nel 2013 la cifra più alta sotto forma di vincite con premi per ben 19,3 miliardi di euro. Seguono le Newslot con 19,2 miliardi, il poker cash ed i casinò online con 12,1 miliardi. Più staccati Gratta e Vinci e Lotto con, rispettivamente, vincite per 7 e 4,1 miliardi di euro.

SPESA DEL GIOCATORE

La spesa effettiva più alta è stata per le Newslot con 6,2 miliardi, seguita dalle Vlt, con 2,8 miliardi e Gratta e Vinci e Lotterie con 2,7 miliardi. Al quarto posto il Lotto con 2,2 miliardi, seguito da SuperEnalotto e Giochi Numerici (797 milioni), scommesse, Totocalcio e giochi a base sportiva (782), Bingo (622), poker cash e casinò online (377), giochi a base ippica (241), poker a torneo e skill game (97). Da notare che lo scorso anno la spesa effettiva per i singoli giochi è cresciuta solo per Bingo, giochi a base sportiva, Lotto, poker cash e casinò online.

ERARIO

Sono le Newslot ad aver dato all’Erario la cifra più alta, vale a dire 3,2 miliardi di euro, cioè quasi il 40% di quanto finito nelle casse dello Stato dal mercato dei giochi. Sopra il miliardo di euro per l’Erario anche i Gratta e Vinci, il Lotto e le Vlt. Da notare che il poker online, i casinò ed i giochi di abilità virtuali hanno dato all’Erario solo 100 milioni di euro, vale a dire l’1,2% del totale. sb/AGIMEG

Giochi, è la Lombardia la regione dove si gioca di più, ma la spesa per i giochi cresce solo in Sicilia

E’ la Lombardia la regione dove si è speso di più per tentare la fortuna nel 2013. La raccolta è stata di 13,9 miliardi di euro, a fronte di vincite per 10,7 miliardi, valore che danno una spesa effettiva dei giocatori di 3,1 miliardi di euro. In seconda posizione il Lazio con una raccolta di 7,8 miliardi, vincite per 6,0 ed una spesa effettiva di 1,7. Sul terzo gradino del podio la Campania, con una raccolta di 6,2 miliardi di euro, vincite per 4,6 ed una spesa dei giocatori di 1,6 miliardi di euro. Per quanto riguarda solo la spesa dei giocatori sopra il miliardo di euro, troviamo anche l’Emilia Romagna e Veneto (1,3 miliardi per entrambe), il Piemonte (1,2) e Sicilia e Toscana (1). La regione con la spesa più bassa è stata la Valle d’Aosta, con 31 milioni di euro, davanti al Molise (87) e la Basilicata (116). Per quanto riguarda solo le vincite, dietro a Lombardia e Lazio si piazza a sorpresa l’Emilia Romagna con più di 4,6 miliardi di euro, davanti per soli 9 milioni alla Campania. Sotto i 100 milioni di euro in vincite solo la Valle d’Aosta. Tornando alla spesa dei giocatori, che in Italia è calata del 6,6% nel 2013 rispetto all’anno precedente, tutti in calo i valori delle singole regioni, con la sola eccezione della Sicilia capace di mettere a segno un +2,5%. sb/AGIMEG

Giochi, nel 2013 slot e videolottery in calo del 4,5%. In Lombardia una giocata su 5

Si è attestata a 47,8 miliardi di euro la raccolta degli apparecchi da intrattenimento (newslot e videolottey) nel 2013, registrando una contrazione del 4,5% rispetto al 2012 (oltre 50 miliardi). Le vincite hanno subito una contrazione meno accentuata (-3,2%) e hanno sfiorato i 38,5 miliardi; di conseguenza la spesa effettiva è calata del 9,4%, attestandosi a 9,3 miliardi. La regione in cui si è giocato maggiormente è la Lombardia (10,2 miliardi circa – il 21,3% del totale – con le vincite a 8,24 miliardi, e la spesa a 1,95 miliardi), distanziati il Lazio (5,2 miliardi di raccolta, di cui 4,2 redistribuiti come vincite e 944 milioni di spesa effettiva), e l’Emilia Romagna (circa 4,4 miliardi di giocate, oltre 3,5 di vincite e 852 milioni di spesa effettiva). Poco distante il Veneto (4,24 miliardi di giocate; 3,4 miliardi circa di vincite, e 850 milioni di spesa effettiva). All’estremo opposto della classifica la Valle d’Aosta (dove le giocate si sono fermate a 91 milioni, con le vincite che hanno raggiunto i 72), il Molise (278 milioni di giocate e 224 di vincite) e la Basilicata (291 milioni di giocate e 229 di vincite). rg/AGIMEG

Giochi, in calo la spesa sia sulla rete fisica (-6,8%), sia online (-2,6%)

Dati in calo sia per il gioco “fisico” sia per l’online. La raccolta fisica è diminuita, nel 2013, del 4,3% passando da 73,1 miliardi a 69,9. Calo maggiore nell’online, dove le giocate su internet sono passate da 15,5 miliardi a 14,8, per una diminuzione della raccolta del 4,5%. Stesso discorso anche per le vincite. Quelle ottenute attraverso agenzie, ricevitorie e punti vendita, è calata del 3,5% (55,5 miliardi nel 2012 contro i 53,6 miliardi dello scorso anno), mentre le vincite online sono calate del 4,6%. Posizioni invertite invece se si considera la spesa effettiva (raccolta meno vincite). La spesa sulla rete fisica, nel 2013, è stata di 16,4 miliardi contro i 17,6 dei dodici mesi precedenti, per un calo del 6,8%. La spesa su internet è invece passata dai 744 milioni del 2012 ai 725 del 2013 (-2,6%). sb/AGIMEG

Giochi numerici: nel 2013 spesi 791 milioni. In Friuli V.G. le vincite superano le giocate

Nel 2013 i giochi numerici a totalizzatore (Superenalotto, Eurojackpot, e Win for Life) hanno raccolto complessivamente 1,36 miliardi di euro. La spesa effettiva dei giocatori, però, è stata di 791 milioni di euro, con vincite totali per 576 milioni. La regina delle giocate è la Lombardia che ha raccolto 315 milioni di euro, con una spesa effettiva di 162 milioni e vincite per 153 milioni. Segue il Lazio con una raccolta di 158 milioni, e una spesa effettiva di 104 milioni. Se consideriamo le vincite curioso è il caso del Friuli Venezia Giulia – come segnala Agimeg – dove le vincite hanno superato le giocate: a fronte di una raccolta complessiva di 36 milioni di euro, le vincite sono state pari a 66 milioni. E se a completare il podio delle regioni che raccolgono di più c’è la Campania (con 121 milioni di euro di raccolta e una spesa di 84 milioni), tra le regioni che vincono di più dopo Lombardia e Friuli V.G., si colloca l’Emilia Romagna che nel 2013 ha registrato vincite totali per 63 milioni di euro (a fronte di una raccolta di 98 milioni). im/AGIMEG

Giochi, nel 2013 cala dell’1,4% la raccolta delle lotterie, ma le vincite restano stabili

La raccolta delle lotterie istantanee e tradizionali nel 2013 si è attestata a 9.598 milioni, registrando un calo dell’1,4% sul 2012 (9.741 milioni). In sostanziale pareggio le vincite (6.945 milioni, -0,2%), di conseguenza la spesa effettiva è calata del 4,5%, a 2.653 milioni. La regione in cui le lotterie hanno avuto più successo sono la Lombardia (1.680 milioni), il Lazio (1.208 milioni) e la Campania (785 milioni). Valle d’Aosta, Molise e Basilicata invece sono le regioni in cui si sono acquistati meno tagliandi, la raccolta si è fermata rispettivamente a 22, 44 e 81 milioni. lp/AGIMEG

Newslot, nel 2013 oltre 410 mila macchine in 96 mila esercizi. Vlt, oltre 50 mila macchine in 4.600 sale

A fine 2013 erano presenti sul territorio italiano 410.688 Newslot, divise su 96.245 esercizi. La media è stata di circa 4 slot per esercizio. Il più alto numero di slot in Lombardia (71.142), seguita dalla Campania (39.786) e dal Veneto e Trentino Alto Adige (38.710). Come numero di esercizi, al primo posto sempre la Lombardia con oltre 16 mila locali. La media delle Newslot per esercizio è stata superiore alla media soprattutto nel Lazio (4,5) e molto inferiore in Sardegna (3,8). La Lombardia primeggia anche per numero di Vlt installate (10.487) e numero di sale che le contengono (868). Solo in Sardegna ed in Friuli Venezia Giulia ci sono meno di 100 sale ad ospitare le Vlt. La media nazionale è stata di 11 Vlt per sala, con valori record per il Lazio (13,5). Ecco le tabelle complete per regioni o raggruppamenti territoriali:

Regione

N. Newslot

N. esercizi con Newslot

N. Newslot per esercizio

PIEMONTE E VALLE D’AOSTA

30.473

7.121

4,3

 LIGURIA

12.062

3.131

3,9

 LOMBARDIA

71.142

16.004

4,4

 VENETO E TRENTINO ALTO ADIGE

38.710

8.856

4,4

 FRIULI E VENEZIA GIULIA

9.775

2.445

4,0

 EMILIA ROMAGNA

31.631

7.244

4,4

 TOSCANA E UMBRIA

30.819

7.158

4,3

 ABRUZZO, MARCHE E MOLISE

25.085

6.182

4,1

 LAZIO

37.701

8.420

4,5

 CAMPANIA

39.786

9.212

4,3

 BASILICATA E CALABRIA

21.818

4.987

4,4

 PUGLIA

24.846

5.882

4,2

 SICILIA

22.240

5.727

3,9

 SARDEGNA

14.600

3.876

3,8

 TOTALE

410.688

96.245

4,3

 

Regione

N. Vlt

N. sale Vlt

N. Vlt per sala

N. apparecchi Comma 7

PIEMONTE E VALLE D’AOSTA

3.544

339

10,5

5.190

 LIGURIA

1.396

127

11,0

2.299

 LOMBARDIA

10.487

868

12,1

11.835

 VENETO E TRENTINO ALTO ADIGE

5.308

467

11,4

12.108

 FRIULI E VENEZIA GIULIA

935

84

11,1

2.008

 EMILIA ROMAGNA

4.870

404

12,1

15.566

 TOSCANA E UMBRIA

4.252

395

10,8

11.202

 ABRUZZO, MARCHE E MOLISE

2.925

294

9,9

9.520

 LAZIO

6.679

493

13,5

7.143

 CAMPANIA

3.836

415

9,2

9.956

 BASILICATA E CALABRIA

1.321

150

8,8

5.929

 PUGLIA

2.718

306

8,9

7.608

 SICILIA

2.015

214

9,4

9.849

 SARDEGNA

376

32

11,8

5.144

 TOTALE

50.662

4.588

11,0

115.357

sb/AGIMEG

Giochi, il Lotto cresce dell’1,8%, stabili le vincite. In Lombardia le giocate sfiorano il miliardo

Il Lotto nel 2013 registra un aumento delle giocate dell’1,8%, e raggiunge i 6.316 milioni di euro. In crescita marginale le vincite (4.116 milioni, +0,1%), di conseguenza la spesa effettiva dei giocatori si attesta a 2.200 milioni (+4,2%). In Lombardia sono state effettuate puntate per quasi un miliardo di euro, la Campania segue con 872 milioni, terzo il Lazio (628 milioni). A poca distanza la Puglia (514 milioni), unica altra regione sopra il mezzo miliardo. Chiudono la classifica Valle d’Aosta (11 milioni) il Molise (36 mln) e il Trentino Alto Adige (55 mln). lp/AGIMEG

Bingo: Nel 2013 la Sicilia è la regione dove si è vinto di più

Con una raccolta di 1,55 miliardi di euro, il Bingo ha chiuso il 2013 con un calo del 3,9% circa sul 2012. La spesa effettiva dei giocatori ammonta a 591 milioni di euro, mentre le vincite sono state pari a 963 milioni di uro. Nel 2013 la Lombardia è la regione in cui si è raccolto di più visto che ha registrato giocate complessive per 232 milioni di euro. Segue nella classifica regionale la Sicilia con 225 milioni di raccolta e la Campania a breve distanza con 222 milioni di euro. Quarta posizione per il Lazio (203 milioni). Se consideriamo le sole vincite, invece, è la Sicilia a essere in testa a quota 152 milioni di euro, seguita dalla Lombardia (147 milioni) e dal Lazio (131 milioni di euro). im/AGIMEG

Giochi, scommesse ippiche nel 2013 in calo del 20%. In Molise e Val d’Aosta poche giocate, ma vincenti

Le scommesse e gli altri giochi a base ippica nel 2013 hanno registrato un calo del 19,6%, attestandosi a una raccolta di 752 milioni di euro. Analoga la contrazione di vincite (526 milioni) e spesa effettiva (226 mln). Le regioni in cui questi prodotti hanno maggior successo sono la Lombardia (137 milioni), il Lazio (102 mln) e la Toscana (95 mln). Valle d’Aosta e Molise, la contrario, sono quelle in cui si gioca meno (circa 1 milione ciascuna), ma le puntate vengono restituite integralmente o quasi come vincite ai giocatori. lp/AGIMEG

Giochi, la rete dei Gratta e Vinci conta 65mila rivendite

Sono le Lotterie il gioco con la rete vendita più estesa, vengono commercializzate in 65.321 esercizi, di cui 9571, più di uno su 7 – nella sola Lombardia. Il SuperEnalotto e gli altri giochi numerici vengono venduti in 39.141 locali, leggermente inferiore il numero delle ricevitorie Lotto (33.624). Ancora numerose le tabaccherie e i bar che offronmo totcalcio e altri concorsi pronosctiti, sono 10.229. Le scommesse sportive sono commercializzate in 7.059 locali, tra punti gioco, negozi e agenzie. Le scommesse ippiche invece vengono offerte i 5.657 punti gioco, negozi e agenzie. I bingo attivi infine sono 221. rg/AGIMEG

 

PER RICHIEDERE TUTTI I DATI UFFICIALI DIVISI PER REGIONE E GIOCO, SCRIVERE A redazione@agimeg.it