Slot, responsabile sala di Milano: “Ma chi decide il nostro futuro è mai entrato in una sala slot, scommesse o bingo? Un’ignoranza che pesa sulla vita di migliaia di lavoratori e famiglie oneste”

La nuova ordinanza della regione Lombardia prevede la riapertura dì tutte le attività tranne quelle legate al gioco legale. A questo punto i casi sono 2; o c’è un progetto politico/economico per colpire le aziende del settore (settore che occupa oltre 150.000 persone più l’indotto) o abbiamo a che fare con persone che prendono decisioni riguardanti migliaia di lavoratori senza sapere di cosa stanno parlando. Vorrei porre una domanda al governatore Fontana ed a gli innumerevoli componenti delle varie task force che stanno decidendo il nostro futuro: Ma siete mai entrati in una sala Slot/VLT, in una sala Bingo o in una sala scommesse? – questa è la domanda provocatoria che pone il responsabile di una sala slot di Milano che ha deciso di rendere pubblica su Agimeg la situazione che stanno vivendo – “Perché se ci siete entrati avrete sicuramente chiaro che i rischi di contagio all’interno di questi luoghi sono sicuramente più bassi rispetto a molte attività che avete già fatto riaprire. Certo, dovranno essere prese misure cautelative, ma come in tutti gli altri settori già aperti o in via di riapertura! Ma la sensazione che arriva è che, non conoscendo la realtà dei fatti, si preferisca rimandare cercando consensi (colpire il gioco legale sembra virtuoso in Italia) sulle spalle di centinaia di Aziende legali e su migliaia di lavoratori onesti favorendo al tempo stesso il gioco non legale gestito dalla criminalità organizzata. Ma spiegazioni al riguardo non arrivano. E gli Italiani si sono stufati di essere trattati come dei bambini ai quali si dice cosa si può o non si può fare senza alcuna spiegazione. E noi del settore gioco legale dobbiamo pretendere un confronto con le istituzioni che, guardandoci negli occhi, ci spieghino perché stanno mettendo a rischio il nostro futuro e quello delle nostre famiglie!!”. es/AGIMEG

4 Commenti

  1. Se non avete ancora capito c’è un conflitto d’interesse….qualcuno,e per qualcuno sapete a chi mi riferisco vuole il gioco in nero per motivi ben noti a tutti quelli che hanno un minimo di cervello…

  2. Ha pienamente ragione .anche io avevo un lavoro lo scorso anno .adesso sono disoccupata senza nessun sostegno da parte del governo.noi che siamo stagionali in una sala giochi non rientriamo in nessuna categoria .bisogna solo morire di fame .grazie.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here