Calvi (GLMS): “Necessario un mercato delle scommesse sportive regolamentato in ogni giurisdizione con chiari ruoli e responsabilità di operatori e organismi di regolamentazione”

Le disposizioni relative alle scommesse subito dopo l’entrata in vigore della Convenzione di Macolin al centro dell’intervento di Ludovico Calvi, Presidente GLMS, nel panel “Hub of Operations” al ‘Betting on Sports’ di Londra. Calvi ha sottolineato l’importanza e il valore aggiunto della Convenzione del Consiglio d’Europa sulla manipolazione delle competizioni sportive (Convenzione di Macolin), l’unico trattato internazionale giuridicamente vincolante che promuove la cooperazione globale per affrontare la manipolazione delle competizioni sportive. Il Presidente GLMS ha anche avuto la possibilità di analizzare le disposizioni della Convenzione relative alle scommesse sportive, evidenziando l’obbligo degli operatori di scommesse sportive di agire in un ambiente di mercato legale, sostenibile e trasparente ed evitare potenziali conflitti di interesse. Allo stesso tempo, ha sottolineato l’importanza di avere un mercato delle scommesse sportive regolamentato in ogni giurisdizione con chiari ruoli e responsabilità da parte di operatori e organismi di regolamentazione, contribuendo attivamente alla creazione e allo sviluppo della piattaforma nazionale di ogni Paese. Ludovico Calvi ha invitato i regolatori nazionali – in linea con la Convenzione – a fornire un quadro normativo sostenibile che consenta al mercato di crescere in modo trasparente, offrendo al contempo servizi di scommesse attraenti e responsabili. Allo stesso tempo, al fine di proteggere e sostenere la crescita del mercato, è fondamentale che esistano misure concrete contro le scommesse sportive illegali. Inoltre, ha di nuovo colto l’occasione per fare riferimento al Codice di condotta GLMS sulle scommesse sportive, che potrebbe fungere da riferimento per le operazioni di scommesse sportive responsabili. lp/AGIMEG

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here