VinciCasa: è un cuoco il fortunato che il 24 ottobre scorso ha vinto a Palermo una casa + 200.000 euro subito

Sono numeri casuali quelli giocati dal vincitore del concorso n. 128 del 24 ottobre scorso di VinciCasa, grazie a una giocata effettuata a Palermo, presso il punto vendita Sisal Bar Tabacchi Urso situato in Via Lincoln, 169. Il premio costituito da 500.000 euro, sarà così ripartito: 200.000 euro corrisposti subito, in denaro, che il vincitore potrà utilizzare come preferisce, senza alcun vincolo; la restante parte dedicata all’acquisto di uno o più immobili sul territorio italiano. Il fortunato, originario delle Mauritius, si è presentato oggi negli uffici Sisal di Roma. Il vincitore ha i numeri “a caso”, convinto che è solo il destino a scegliere, anche il giorno in cui ha deciso di giocare a VinciCasa. Numeri che non memorizza e che poi scoprirà essere stati la combinazione vincente, quella che lo farà restare per sempre nella sua “Palermo”. “Bastano 5 numeri per decidere di restare per sempre in una città. Nel mio caso sono stati 13 – 16 – 19 – 29 – 38. Numeri che hanno una forma, come la casa che acquisterò grazie a VinciCasa, numeri che hanno un profumo, come i fiori che staranno sul mio balcone, numeri capaci di far gioire, come la gioia che provo ora e che non dimenticherò mai!”. Il fortunato vincitore si è trasferito a Palermo da 21 anni e fa il cuoco con passione e amore, cercando di portare la sua terra nei suoi piatti, in una città che lo ha ospitato e alla quale deve tutto: un lavoro, una famiglia, tanti amici. Una città che sente sua e nella quale vuole restare. Così convinto da aver giocato proprio per provare a vincere la casa che decreterà la possibilità di restare nella sua Palermo. Un luogo che l’ha incantato da quando, appunto, venne a trovare i suoi cugini per turismo e non fece più ritorno nel suo Paese. Alla scoperta della vincita, su Internet, non voleva crederci. Poi, dopo aver verificato quei numeri casuali che ormai sono diventati “suoi” per tutte le volte che li ha ricontrollati, ha capito che era davvero un segno del destino, del suo destino. Palermo l’ha accolto e a Palermo resterà tutta la vita. cdn/AGIMEG