USA: estrazioni pilotate con un virus, le lotterie risarciscono 1,5 milioni al vincitore truffato

Iowa, ammonta a 1,5 milioni di dollari il risarcimento che la Multi-State Lottery Association pagherà a Larry Dawson. L’uomo nei mesi scorsi ha fatto causa all’associazione sostenendo che il premio che vinto nel 2011 sarebbe dovuto essere molto più alto. Tutto parte dalla truffa orchestrata da Eddy Tipton, all’epoca addetto alla sicurezza del software che controllava le estrazioni di svariate lotterie nazionali degli USA. L’uomo riuscì infatti a introdurre un virus nel sistema che gli consentiva di conoscere in anticipo le combinazioni vincenti di alcune estrazioni determinate, in questo modo incassò una serie di jackpot in giro per gli States, fino a quando non venne arrestato nel 2015. Dawson ha avuto la fortuna-sfortuna di centrare un jackpot nell’estrazione immediatamente successiva a quella truccata da Tipton. In sostanza Dawson incassò 9 milioni, subito dopo che Tipton ne aveva portati a casa 16,5. L’associazione delle lotterie ha deciso di chiudere la controversia con una transazione, versando appunto un risarcimento di 1,5 milioni. Già a inizio anno aveva versato 4,3 milioni per chiudere una class action, in quel caso aveva semplicemente risarcito i giocatori per la truffa subita. lp/AGIMEG

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here