UK: Ladbrokes vincola gli stipendi dei propri manager agli obiettivi da raggiungere in tema di lotta alle ludopatie

Ladbrokes proverà a placare la polemica sulle FOBT, con la promessa di vincolare gli stipendi dei propri manager agli obiettivi da raggiungere in tema di lotta alle ludopatie. Lo fa sapere la società in una missiva indirizzata al sottosegretario alla Cultura Media e Sport in Gran Bretagna, Helen Grant. Nella lettera Ladbrokes sostiene anche che a partire dalla prossima settimana promuoverà nei propri punti sommesse il Codice di Protezione dei Giocatori, lanciato dall’Associazione dei bookmaker britannici. Sarà anche istituito un comitato – che riporterà direttamente al CdA – con il compito di monitorare queste attività di tutela, e che cercherà di mettere in pratica tutte le misure programmate, al più tardi a partire dal 2015.  I bookmaker, infatti, stanno cercando di correre ai ripari per arginare le preoccupazioni sulle FOBTs, i terminali di gioco istallati nelle agenzie che accettano puntate anche per 300 sterline a minuto. Proprio entro marzo dovranno adottare – per il momento su base volontaria, ma il Governo pretende risultati – una serie di strumenti per limitare le giocate ai terminali. rg/AGIMEG