Ippica: all’Ippodromo SNAI La Maura l’ultimo convegno vede Variago Selva mandare tutti in vacanza

All’Ippodromo SNAI La Maura, in programma, l’ultimo convegno di corse, che rimanda a settembre una stagione fino ad ora positiva e con un buon seguito di pubblico. Nell’impianto del trotto milanese un programma imperniato su sette corse, in cui il clou e’ stato rappresentato dal Premio Daguet Rapide, una prova a resa di metri sulla distanza del miglio per cavalli di 4 anni. Tante le rotture: al via si sono eliminati Vicky del Duomo, Vanilla Club e Veltro del Sauro. All’ingresso della dirittura finale è stato il turno di Varadero, (confermando una sgambatura non convincente) che aveva guidato il gruppetto dei “superstiti”, ed e’ stato cosi’ il penalizzato Variago Selva, con Pippo Gubellini in sediolo, a far valere la maggiore prestanza su Viola, svettando a media di 1.13.7 sui 1670 metri. Il convegno era stato aperto con il Premio Iacob del Ronco, una maratonina a resa di metri per cavalli di cat. F/G affidati ai gentleman: successo facile facile per il team Baroncini, Mauro al training e Roberto alla guida, con l’atteso Sama, favorito anche dallo svarione iniziale di Singapore, rimasto subito lontano, e da quello dell’unico avvantaggiato Urniano, improvvisamente di galoppo dopo 700 metri quando era saldo leader: con il figlio di Ganymede, Roberto Baroncini ha spostato, dopo 1600 metri sfondando in breve su Uppercut Si, ha preso vantaggio e non si e’ fatto più avvicinare, concludendo in solitudine a media di 1.16.1 sui 2720 metri. Uno strepitoso Singapore si e’ reso autore di un generosissimo recupero dopo l’errore iniziale ed e’ passato secondo sul traguardo, ma la sua performance e’ stata vanificata dalla squalifica comminata dalla Giuria. Il secondo posto e’ andato cosi’ a Main Event su Uppercut Si. Allievi in sediolo a cavalli di cat. G nel Premio Dream With Me. Oggetto di attenzioni al gioco, Real Thing con Tommaso Gambino, che non ha deluso i tanti che lo hanno appoggiato: sistematosi in partenza in scia al battistrada, Nerone D’Asolo, il cavallo di Salvatore Carro, ha mosso all’attacco ai 400 finali per passare e allungare in retta, a media di 1.15.4. Showgirl e’ risalita coraggiosamente al largo ed e’ emersa al secondoposto su Nerone D’Asolo. In giornata di scarsa vena Solare Roc, partita piano e mai nel vivo. Pronta replica di Zipolo nel Premio Quatre Juillet: vincitore due settimane fa, il portacolori della scuderia Louisiana, oggi con Max Castaldo in veste di catch driver, ha brillantemente superato l’esame dei 2250 metri dominando allo speed Zarevic Blessed e Zio Roc, a media di 1.15.3. Molto giocata, Tosca Joy, ha sfruttato l’abilita’ sua, e del suo interprete Roberto Vecchione, nelle corse con i nastri dominando il Premio Rangone da un capo all’altro: in testa su Siva, la cavalla di Gaetano Carro, ha tenuto buon ritmo completando il primo chilometro in 1.13.9 e ha allungato ulteriormente nel finale per mettersi fuori dalla portata dei rivali e chiudere a media di 1.14.8. Con un gran finale in retta, Un Noir hastampato sul palo l’appostata Siva per il secondo posto, mentre Uragan Kronos ha provato l’avanzata in terza ruota ai 400 finali ma si e’ arenato all’ingresso in retta. Ritirata la favorita Zeudi Amg, Zebu’ Rl ha messo una bella ipoteca sul Premio Poker Dream riuscendo a scavalcare in avvio Zora Ans: con Andrea Farolfi in sediolo, il cavallo di Mauro Baroncini e’ andato via ad andatura regolare, presto raggiunto da Zelik Roc, e nel finale ha controllato il rivale al suo esterno badando a non concedere spazio a Zora Ans, che ha cosi’ concluso al terzo posto senza poter correre. In forma strepitosa, Tamboss ha centrato la terza vittoria consecutiva dominando praticamente dal via il Premio Hangone: con il suo preparatore in sediolo, il cavallo di Max Castaldo, ha preso partenza lanciata conservando la seconda posizione, ha presto spostato e ottenuto strada dalla battistrada iniziale Ubara Jet e ha poi proseguito a buon ritmo, allungando netto ai 400 finali per staccarsi dai rivali e vincere a media di 1.13.5. Davvero una dimostrazione di grande salute. Buono anche il secondo posto di Uccea Jet, risalita in terza ruota nel tratto finale e prevalente su Terrifick Pick, che aveva guidato il treno esterno. Tiberio Cecere ha presentato tre puledri nella qualifica di inizio pomeriggio per la scuderia Sant’Eusebio: il maschio Aiace Roc (Filipp Roc e Zory Roc) e la femmina Ad Astra Roc (Exploit Caf e Friendly Roc), per i colori della scuderia del Baronetto l’altra femmina Ariala Cash Sm (Ready Cash e Carol Sm): tutti e tre hanno superato bene la qualifica in un identico 1.18.9, terminando praticamente appaiati sul traguardo con un ultimo quarto in 30.7 e una retta in spinta. lp/AGIMEG

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here