Codere: Bilancio 2013, in Spagna EBITDA in crescita del 7% (2)

Per quanto riguarda il mercato internazionale di Codere, multinazionale spagnola referente nel settore del gioco privato, quotata in borsa in Spagna, la società segnala che in Argentina il fatturato nel 2013 ha raggiunto i 584,7 milioni il 10,6% in meno dell’anno precedente, dovuto al deprezzamento del peso argentino rispetto all’euro, nonostante l’incremento della raccolta media giornaliera e all’aumento del numero di macchine da gioco del 7,3%. A cambi costanti, gli utili si sarebbero incrementati del 10,6%. L’EBITDA del 2013 è stato di  110,8 milioni il  31% in meno rispetto all’anno precedente a seguito della svalutazione del peso e delle maggiori imposte e del beneficio ottenuto con la riduzione dei costi realizzata nella seconda metà dell’anno. In Messico, invece, il fatturato ha raggiunto i  382,4 milioni nel 2013, il 12,5% in meno rispetto all’anno precedente, dovuto alla chiusura temporale delle sale e all’aumento della competitività del mercato. L’EBITDA del 2013 è sceso del 7,6%, fino a 78,6 milioni, compensando la caduta degli utili attraverso un’importante riduzione dei costi operativi. Per quanto riguarda la Spagna, il fatturato ha perso l’1,7% nel 2013 toccando i 151,6 milioni, dovuto soprattutto alla perdita dell’attività tradizionale degli apparecchi compensata dallo sviluppo delle scommesse sportive, in implementazione progressiva nelle regioni. Nel 2013 l’EBITDA è cresciuto del 6,9%, toccando i 17 milioni grazie all’ottimizzazione dei costi e alla maggiore redditività ottenuta nell’attività di scommesse. (fine) lp/AGIMEG