Tar Sicilia nega la sospensione dell’ordinanza sindacale di Palermo sul gioco d’azzardo e fissa la nuova udienza per il 21 aprile 2020

I gestori di sale giochi e sale slot hanno presentato un ricorso al Tar della Sicilia per far sospendere l’ordinanza sindacale del Comune di Palermo che stabilisce una distanza minima di 500 metri dai luoghi sensibili e un limite di 9 ore di attività massima giornaliera. Sulle questioni emerse dal ricorso il Tar afferma: “In ordine al divieto di nuove aperture, il paventato danno non è attuale ma solo ipotetico”, mentre per quanto riguarda i limiti orari “appare prevalente rispetto all’interesse economico (sia privato, sia pubblico) quello della salute”. Il collegio, infine, respinge l’stanza cautelare e mantiene le disposizioni vigenti valide, fissando la prossima udienza il 21 aprile. ac/AGIMEG

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here