MEF: pubblicate linee guida su imposta locale sul consumo di Campione d’Italia. Escluse attività relative ai giochi

Da domani, 1°gennaio 2020, il territorio del Comune di Campione d’Italia entra a far parte del territorio doganale dell’Unione europea e del campo di applicazione dell’accisa ma mantiene l’esclusione dal campo di applicazione dell’IVA. Pertanto, continua a essere escluso dalla applicazione dell’IVA italiana ed è escluso anche dall’applicazione dell’IVA svizzera. A Campione d’Italia si applica, invece, l’Imposta Locale di Consumo di Campione d’Italia (ILCC), con le medesime aliquote dell’IVA svizzera, generalmente inferiori a quelle dell’IVA italiana. Con Decreto del MEF, che dovrà essere emanato entro aprile 2020, saranno stabilite le modalità di applicazione e di versamento dell’ILCC. Il MEF ha pubblicato il decreto con cui si forniscono le prime indicazioni sull’applicazione dell’imposta locale, suscettibili di successive integrazioni e specificazioni. “L’ILCC non si applica in particolare alle operazioni rese per finalità sanitarie, finanziarie, sociali, educative, sportive. Ad esempio – sottolinea il decreto del MEF – sono escluse da ILCC le attività: sanitarie alla persona compreso il trasporto di feriti e disabili; effettuate nel settore del mercato monetario, dei capitali, assicurativo; di aiuto e assistenza sociale; effettuate nell’ambito dell’educazione, della formazione e della ricerca; di servizi culturali e di servizi sportivi; relative ai giochi”. cdn/AGIMEG

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here