Casinò, il mercato USA cresce del 3,4% e supera i 40 miliardi

Cresce del 3,4% il mercato dei casinò commerciali USA – esclusi quindi quelli gestiti dai nativi americani – e nel 2017 assicura ricavi per 40,28 miliardi di dollari. Il settore inoltre – secondo il report pubblicato dall’AGA, l’American Gaming Association – con il solo gettito diretto sul gioco, ha contribuito ai bilanci statali con 9,23 miliardi di dollari, il 3,1% in più del 2016. Le 460 case da gioco USA inoltre danno lavoro direttamente a 361mila persone, che complessivamente – tra stipendi, benefit e mance – hanno guadagnato 17 miliardi di dollari. Se si include anche l’indotto, i dipendenti salgono a 737mila, e la somma di stipendi e benefit a 34,34 miliardi. Oltre 409mila di questi lavoratori risiede nel Nevada – e soprattutto a Las Vegas – poi bisogna passare ai circa 39mila lavoratori del New Jersey. lp/AGIMEG

Casinò, USA: i casinò tribali crescono del 4%

Il settore dei casinò tribali invece conta 500 case da gioco sparse in 28 Stati – ma questi numeri sono destinati a crescere ulteriormente nel 2018 – e nel 2017 ha generato ricavi per 32,4 miliardi di dollari, mettendo a segno una crescita del 3,9% sull’esercizio precedente. I dipendenti, tra diretti e indiretti, sono 635mila. lp/AGIMEG

Casinò USA: in Nevada i profitti più alti, ma il Maryland è lo Stato che cresce di più

Il Maryland è lo Stato in cui si registra il balzo maggiore dei ricavi (+34,1%, 1,6 miliardi) grazie al contributo di un resort che ha aperto i battenti a dicembre 2016, e quindi è entrato pienamente in esercizio. In generale dei 24 Stati che hanno legalizzato i casinò, 20 sono in positivo, e hanno registrato impennate record anche New York (+16,4%), Kansas (+7%), Massachusetts (+6,3%) e Ohio (+5%). La contrazione maggiore invece in West Virginia (-4,61%, 624 milioni) a causa dell’aumento della competizione negli stati limitrofi. Il mercato maggiore si conferma quello del Nevada (11,5 miliardi, +2,8%, stato che ospita oltretutto circa la metà dei casinò commerciali, ben 215), seguita da Pennsylvania (3,2 miliardi, +0,4%) e New Jersey (2,6 mld, +2,1%). Il Maryland è anche lo stato in cui si registra il maggiore aumento del gettito (+22%, 582 milioni), ma festeggiano anche l’Oklahoma (+15,8%, 20,8 milioni) e il Kansas (+15,5%, 105 milioni). Sul fronte del gettito, i casinò portano – con le sole imposte dirette sul gioco – ben 9,2 miliardi nelle casse dei vari Stati, il 3,1% in più del 2016. Lo Stato che incassa di più dal gioco è la Pennsylvania (oltre 1,4 miliardi, +3,2%) mentre il Nevada si ferma a 867 milioni. Si tratta oltretutto di un dato in calo del 3,7%, quasi quanto quello del West Virginia (-3,8%, 293 milioni) lo stato che registra la peggiore contrazione del gettito. Complessivamente sono 8 gli Stati che chiudono il bilancio in rosso. lp/AGIMEG

Casinò: Las Vegas è sempre la mecca del gioco USA. New York perde il duello con Baltimora

Tra le singole città, Las Vegas si conferma la mecca del gioco a stelle e strisce: nel 2017 ha generato ricavi per 6,48 miliardi di dollari. Seguono Atlantic City (2,41 mld) e Chicago (circa 2 mld). Baltimora (1,77 mld) invece scavalca New Jork (1,57 mld). lp/AGIMEG